Sistema rilevazione ambientale

IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DI SME DI SAN DONA' DI PIAVE

 

PREMESSA

Le attività di controllo e monitoraggio degli impatti ambientali significativi di un’opera sull'ambiente, previsto dall’art. 28 del D.Lgs. 152/06 e ss.mm.ii., nonché la corrispondenza alle prescrizioni espresse sulla compatibilità ambientale della medesima, hanno come finalità quella di “… individuare tempestivamente gli impatti negativi imprevisti e di consentire all'autorità competente di essere in grado di adottare le opportune misure correttive”.

Gli obiettivi del monitoraggio sono i seguenti:

  • verifica della conformità alle previsioni di impatto in relazione ai limiti di ammissibilità individuati nello Studio di Impatto Ambientale (SIA) e definiti/approvati dal provvedimento di valutazione di impatto ambientale;
  • valutazione dell’evoluzione della situazione ambientale, correlando gli stati ante opera, in corso d’opera e post opera;
  • individuazione di impatti negativi non previsti ed adozione di opportune misure correttive;
  • assicurare il controllo, ovvero l’accertamento dell’adempimento delle prescrizioni espresse nel provvedimento di compatibilità ambientale.

Per monitoraggio si intende l’insieme delle misure, effettuate periodicamente o in maniera continua, attraverso rilevazioni nel tempo, di determinati parametri biologici, chimici e fisici che caratterizzano le sorgenti di contaminazione/inquinamento e/o le componenti ambientali impattate dalla realizzazione e/o dall’esercizio delle opere.


L’attuazione del Piano di Monitoraggio Ambientale (PMA) è in carico al proponente dell’opera.


Il coordinamento e la responsabilità tecnica dell’esecuzione delle misure e rilevazioni da eseguirsi, nonché la rendicontazione periodica dei risultati ottenuti è in carico al Responsabile del Monitoraggio Ambientale, che ha redatto anche il Presente PMA.


pdf Piano di monitoraggio ambientale

 

FASI DEL MONITORAGGIO

Allo scopo di poter confrontare i dati e valutare la reale portata degli effetti impattanti prodotti dalla realizzazione dell’intervento sull’ambiente, sono previste tre fasi di monitoraggio:

  1. ANTE OPERA, al fine di rappresentare e definire lo scenario vergine antecedente alla realizzazione di qualsiasi modificazione indotta dall’intervento. Nel caso di specie, i dati e gli studi effettuati in fase di progetto e di procedura di valutazione, sono idonei e sufficienti a definire tale scenario
    Report di rendicontazione fine fase Ante Opera SME - San Donà di Piave


  2. CORSO D'OPERA, finalizzato a recepire eventuali problematiche ambientali prodotte dal cantiere e dalle attività di costruzione previste dal progetto
     Report del Corso d’Opera fine 2017

  3. POST OPERA, corrispondente ad una fase di controllo delle singole componenti ambientali che, secondo gli studi effettuati nella fase valutativa del progetto (procedura di V.I.A.), possono essere sensibili alle variazioni indotte dall’esercizio dell’opera ultimata ed in pieno utilizzo

 

Il PMA individua le suddette componenti, il numero di misurazioni da effettuare e la frequenza.

Il Responsabile Ambientale redige i Report di Sintesi e finali di ciascuna delle fasi di attuazione del monitoraggio e provvede a segnalare l’eventuale riscontro di anomalie al proponente dell’opera per gli eventuali provvedimenti correttivo/mitigativo e gli adempimenti amministrativi conseguenti.

Nella presente sezione del sito web di SME, verranno pubblicati i report finali emessi dal Responsabile del Monitoraggio Ambientale e i rapporti di prova delle campagne di rilevazione che saranno eseguite.